Roma - (Adnkronos) - La casa coniugale? In caso di separazione spetta ad entrambi anche se la compra soltanto il marito e la moglie vi rinuncia per iscritto. Se la coppia si e' sposata in comunione dei beni, la proprieta' va divisa anche se, al momento dell'acquisto, e' stata intestata soltanto al consorte. Lo ha stabilito la Cassazione che, contrariamente a due gradi di giudizio opposti, ha accolto il ricorso di Assunta Z., una signora di Bolzano che dopo essersi separata dal marito Franco B. e dopo aver rinunciato alla casa coniugale, rivendicava ora l'assegnazione di meta' dell'appartamento. I coniugi si erano sposati in regime di comunione legale dei beni. Al momento dell'acquisto, pero', il marito aveva sborsato fino all'ultimo centesimo per comprare casa e la moglie aveva acconsentito a che fosse lui ad intestarsi la proprieta', firmando la rinuncia alla proprieta'.
Condividi
Feedback

(13/03/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Arriva il reddito d'emergenza