Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giro di vite contro chi ricatta con blog a luci rosse

La Corte di Cassazione ha detto basta a l'utilizzo di blog a luci rosse per ricatti sessuali ed ha confemato la condanna per tentata violenza privata nei confronti di un uomo che, dopo il rifiuto alle sue avances da parte di una ragazza che aveva conosciuto in una chat, aveva deciso, per ritorsione, di realizzare un blog in cui si affermava che lei era una prostituta e che riceveva a domicilio. Per la Cassazione (sentenza n.40668/2009) non ci sono dubbi: si tratta di tentata violenza privata (in origine l'addebito era per tentata estorsione) e sussistono anche i reati di diffamazione commessa per via telematica e di molestie. La ragazza aveva denunciato di essere stata ricattata da un uomo che le aveva chiesto rapporti sessuali minacciando, in mancanza, di rendere noti i suoi dati personali e di descriverla appunto come una prostituta. Lei aveva cercarto di interrompere i contatti ma al suo cellulare arrivavano continue chiamate di persone che, avendo letto le false informazioni su di lei e credendola una vera prostituta le chiedevano rapporti sessuali a pagamento.
(03/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF