Sei in: Home » Articoli

Codacons: Una class action per chiedere danni da inquinamento

Class Action del Codacons per chiedere i danni da inquinamento da Smog. È quanto emerge da una nota diffusa dal Codacons che ha deciso di proporre un'azione collettiva contro il Presidente della Provincia di Milano, Podestà, contro il Presidente della Regione Lombardia Formigoni e contro il Sindaco di Milano Letizia Moratti. L'azione per il risarcimento danni derivanti da smog è il risultato dei dati diffusi dall'organizzazione mondiale della Sanità. Lo studio “Health impact of PM10 and ozone in 13 italian cities” evidenzia come, analizzando circa 9 milioni di italiani tra il 2002 e il 2004, siano morti circa 8220 morti per cause da imputare all'inquinamento. Gli effetti a lungo termine della concentrazione di PM10 avrebbero infatti portato alla morte circa il 16% della popolazione nazionale totale. “Sono tutti questi dati - dichiara l'avvocato del Condacons Marco Maria Donzelli - a rendere possibile un'azione risarcitoria contro chi avrebbe il dovere di tutelare la salute dei cittadini, ma non lo fa o non lo fa abbastanza.
A pagare sono in primo luogo anziani e bambini”. L'associazione, attraverso le parole del suo Presidente Carlo Rienzi, fa sapere che sul sito del Codacons verranno raccolte le firme a favore dell'azione risarcitoria collettiva prevista per il gennaio 2010. Ma il Codacons non si ferma qui: oltre a Milano e dintorni, l'associazione avrebbe presentato 11 esposti a tutte le altre città oggetto dello studio. Per ulteriori informazioni www.codacons.it.
(09/12/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF