Sei in: Home » Articoli

Privacy, posizioni debitorie sanate: vanno cancellate dalle banche dati

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 03-09 marzo 2003) ha reso noto di aver ordinato ad una "centrale rischi" di cancellare i dati di un consumatore che, in ritardo nei pagamenti, aveva poi sanato la sua posizione debitoria. Richiamando un precedente provvedimento del luglio 2002, l'AutoritÓ ha precisato che "le segnalazioni di inadempienze, quali sofferenze, credito ceduto o simili, relative a finanziamenti completamente rimborsati devono essere cancellate al pi¨ tardi entro un anno dalla loro regolarizzazione, e non pi¨ entro i cinque attualmente in uso". Afferma il garante che, l'apposizione del termine "regolarizzato", accanto al nominativo del cliente, Ŕ semplicemente una misura "temporanea" e interlocutoria e non risulta soddisfacente e conforme a quanto segnalato con il menzionato provvedimento del luglio 2002, secondo il quale "i dati relativi agli eventuali inadempimenti sanati senza perdite, debiti residui o pendenze devono essere cancellati dalle "centrali rischi" private entro un anno dalla loro regolarizzazione". Ogni ulteriore conservazione dei dati, risulta illecita.
(12/03/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Divorzio: via libera all'app per gestire i figli senza conflitti
» Sfratti: il termine di grazia
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'ereditÓ.
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» EreditÓ: la ripartizione dei debiti tra gli eredi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss