Sei in: Home » Articoli

Corte d'Appello di Genova: licenziamento dirigenti in collaborazione coordinata e continuativa

La Corte d'Appello di Genova (Sentenza 232/2009), affermando che alcune mansioni, in particolare quelle di tipo dirigenziale, potrebbero ascriversi sia alla collaborazione coordinata e continuativa sia ad un rapporto di lavoro subordinato, applica il noto principio secondo il quale nella qualificazione del rapporto di lavoro si debba tener conto degli indici pi¨ significativi e prevalenti. Considerando, poi, il modo di configurarsi del rapporto di lavoro dirigenziale, la nozione di giustificatezza del licenziamento dello stesso non s'identifica nÚ con quella di giusta causa nÚ con quella di giustificato motivo, ma a tal fine pu˛ rilevare qualsiasi motivo, purchŔ apprezzabile sul piano del diritto, idoneo a turbare il rapporto di fiducia con il datore, e quindi, , ove dalla societÓ recedente non siano dedotti i fatti che avrebbero dato giustificatezza all'intimato licenziamento, lo stesso deve considerarsi ingiustificato.
(11/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le pi¨ lette:
» La responsabilitÓ oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF