Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera ai decreti attuativi che fissano i limiti per le esposizioni elettromagnetiche degli elettrodi e degli impianti ad alta frequenza (stazioni di telefonia mobile, antenne radio-TV). Per quanto riguarda gli elettrodi il valore d'attenzione è fissato in 10 microtesla, e va osservato negli ambienti abitativi, nelle aree gioco per l'infanzia, nelle scuole e in tutti quei luoghi dove si soggiorna per più di 4 ore al giorno. L'obiettivo di qualità sarà poi quello di attuare un piano di risanamento per raggiungere il valore di 3 microtesla per gli impianti esistenti a partire da quelle situazioni che sono caratterizzate da maggiori livelli di esposizione. Per gli impianti ad alta frequenza il valore di attenzione resta quello di 6 volt/metro così come stabilito dal decreto 381/98. Le misurazioni e le valutazioni verranno compiute dall' Apat (Agenzia per la protezione dell' ambiente e per i servizi tecnici).
Tutta la normativa in materia di elettrosmog nel sito www.elettrosmog.org
Condividi
Feedback

(10/03/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Arriva il reddito d'emergenza