In una nota dell'Associazione Italiana dei Magistrati per i minorenni e per la famiglia (Aimmf), si fa appello alle forze politiche perché si proceda ad una riforma del sistema sanzionatorio per i minorenni in modo di attuare in concreto "la finalita' educativa della pena, mediante l'introduzione di sanzioni adeguate allo scopo ed alla personalita' in evoluzione del minorenne" La nota parte dalla considerazione di alcuni recenti episodi relativi a detenuti minorenni e al dibattito mediatico che ne è seguito. Secondo l'associazione si ricorre troppo al carcere contro la devianza e il disagio dei minorenni. L'aimmf chiede dunque "l'approvazione di un ordinamento penitenziario minorile che preveda l'estensione dell'applicazione dell'ordinamento stesso anche ai giovani adulti (fino a 25 anni di eta'); l'introduzione di sanzioni sostitutive e alternative alla detenzione anche con funzione riparativa; la realizzazione di strutture detentive e comunitarie di dimensioni ridotte con presenza di adeguato personale educativo specializzato che garantisca la realizzazione di progetti educativi individualizzati".
Altre informazioni su questo argomento
Condividi
Feedback

(18/11/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!