La Corte d'Appello di Napoli (4 marzo 2009) sostiene che la violazione delle norme previste in materia di assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato nell'ambito del pubblico impiego non determina mai la trasformazione del rapporto lavorativo in un rapporto a tempo indeterminato, sia perché espressamente escluso dal dato normativo( T.U. 165/2001) , sia perché l'eventuale conversione contrasterebbe in maniera insanabile con il principio del pubblico concorso di cui all'art. 97, comma 3, Cost. La norma, infatti, dispone espressamente che "Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge".
Condividi
Feedback

(30/12/2009 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Sospeso l'avvocato che riceve e ascolta il minore senza avvisare il genitore
» Coronavirus: in vigore le nuove sanzioni