Sei in: Home » Articoli

Il lavoratore ha diritto di ottenere il risarcimento del danno per mancata formazione

L'azienda che non consenta la partecipazione a corsi di formazione previsti dal contratto collettivo deve risarcire al lavoratore il danno subito per le tasse d'iscrizione versate. Inoltre, qualora la partecipazione al corso sia il presupposto per l'acquisizione di una qualifica lavorativa, l'azienda deve risarcire al dipendente il danno alla professionalità specifica, alla immagine e alla vita di relazione ( Cass. sent. 19682/2009) Inoltre, nel caso esaminato la Suprema Corte ha rilevato che l'azienda non può accordare al lavoratore un numero di ore ridotto con la giustificazione di dover far partecipare anche altri dipendenti al suo stesso corso. Il danno alla professionalità deve essere quantificato alla luce del lungo tempo trascorso prima del riconoscimento del diritto e della situazione di precarietà derivante dall'esercitare mansioni per le quali non si è raggiunta la formale qualifica professionale ( Corte App. Brescia 29 aprile 2005). L'inosservanza dell'obbligo formativo può avere, anche , riflessi penali, se trattasi di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro ( Cass. sent. 20220/2006)
(02/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF