Le imprese appaltatrici dei servizi di mensa o ristorazione possono sospendere ovvero ridurre l'orario di lavoro dei propri dipendenti, in conseguenza di una situazione di crisi, anche temporanea, dell'impresa industriale presso cui vengono svolti i servizi di mensa, purchè la situazione di difficoltà abbia dato luogo all'applicazione del trattamento di CIG o CIGS in favore dei dipendenti dell'impresa committente ( Dm 22 Luglio 2002). Al fine di snellire l'iter per ottenere il trattamento di Cigs per le mense aziendali, Il Ministero del lavoro e l'Inps hanno stabilito di demandare a quest'ultimo la verifica dell'avvenuta concessione della Cigo in capo al committente. Infatti, spesso nella domanda di Cigs da parte della mensa appaltatrice, non è allegata la dichiarazione del committente, con ritardi nell'istruttoria e nella concessione. Nei prossimi decreti concessivi sarà quindi contenuta la frase : l'Inps verifica che, per il medesimo periodo, sia già stato emesso, o sia in corso di emissione, in favore della società committente, il provvedimento di Cigo. (Fonte: Messaggio INPS 12 ottobre 2009, n. 22911)
Condividi
Feedback

(10/11/2009 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!