Il Garante per la protezione dei dati personali (comunicato del 30.10.2009) ha fornito parere positivo alla consultazione della Banca dati dell'Inps in favore delle Regioni se ciò è necessario per la programmazione e realizzazione di corsi di formazione e riqualificazione professionale dei lavoratori. L'Autorità ha quindi stabilito che l'Inps potrà consentire alle Regioni e alle Province autonome di avere accesso alla banca dati che raccoglie le informazioni di lavoratori e disoccupati che usufruiscono di misure di sostegno al reddito: indennità di disoccupazione, cassa integrazione, sussidi e ciò al fine di consentire alle PA, di poter disporre di informazioni indispensabili per programmare e realizzare corsi di formazione e riqualificazione rivolti a lavoratori e disoccupati residenti. Il Garante ha però richiesto all'Inps, l'adozione di specifiche misure a protezione dei dati personali (es. individuare un termine entro il quale disabilitare l'accesso alla banca dati una volta che Regioni e Province autonome abbiano esaurito i loro compiti in materia di gestione e attuazione degli interventi formativi e di rendicontazione a livello europeo, predisporre strumenti e procedure per rafforzare il meccanismo di autorizzazione e autenticazione dei soggetti abilitati ad accedere alla banca dati e per delimitare nel tempo e nella localizzazione sulla rete la possibilità di accesso).
Condividi
Feedback

(08/11/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: modificabile l'assegno di mantenimento anche se pende il divorzio
» Stalking se il padre assilla la ex con la scusa di vedere il figlio