Responsabilità medica: 30 mila richieste di risarcimento in un solo anno

Condividi
Seguici

Presentando a Roma i temi del Congresso nazionale Sic (Societa' italiana di chirurgia) che prenderà il via il 25 ottobre a Rimini, il Presidente Enrico De Antoni ha ricordato che "l'80% dei professionisti del bisturi nel corso della propria carriera incappa in almeno una richiesta di risarcimento. Accuse di malpractice che nell'80% dei casi si risolvono con un'assoluzione, dopo un iter processuale che dura anche 7-8 anni". A quanto pare solo nel 2008 si sono registrati circa 12 mila i processi penali e 30 mila richieste di risarcimento.
Un vero e proprio incubo per i 6 mila chirurghi Italiani impegnati in sala operatoria. Secondo De Antoni, "il timore di possibili conseguenze penali ha creato in questi anni la premessa della medicina difensiva: l'80% dei chirurghi prescrive esami inutili, e il 20% evita di operare se l'intervento e' troppo a rischio di contenzioso". E questo comporta costi pesanti per la sanità. Rocco Bellantone, segretario generale Sic, agggiunge che "Si calcola che gli esami e le visite inutili della medicina difensiva costino 2-3 miliardi l'anno".
Altre informazioni su questo argomento
(21/10/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: l'equo compenso non funziona
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss