Sei in: Home » Articoli

Limiti all'indennizzabilità dell’infortunio "in itinere"

La Suprema Corte, con sentenza n. 15617/01, ha negato l’indennizzabilità dell’infortunio subito dal lavoratore nel percorrere con il mezzo proprio la distanza tra la sua abitazione e il luogo di lavoro, allorché tale distanza sia breve e comunque tale da essere percorsa agevolmente a piedi. La Cassazione ha motivato tale decisione richiamando l’art. 12 del D.L. 28/00 che, ispirato al quadro giurisprudenziale affinatosi negli anni precedenti, ha riconosciuto la tutela assicurativa agli infortuni “in itinere” occorsi alle persone assicurate durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro, escludendo però l’operatività della tutela nel caso di utilizzo del mezzo di trasporto privato, salvo che esso non sia “necessitato”.
(18/01/2002 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Assegni familiari: dal 1° aprile domande solo online
» Non basta una canna per il reato di guida in stato di alterazione
» Alienazione parentale: l'unica vittima il bambino
» Assegno di divorzio: in arrivo la riforma
» Nota di trascrizione in ritardo? Pignoramento inefficace
Newsletter f t in Rss