Sei in: Home » Articoli

Il nuovo procedimento sommario di cognizione

Processi più rapidi con il nuovo procedimento sommario di cognizione. Le parti, a scelta, potranno infatti avvalersi del nuovo rito in alternativa al procedimento ordinario per tutte le cause di competenza del tribunale in composizione monocratica. Tuttavia, qualora il giudice ritenga che le difese svolte dalle parti richiedano un'istruzione piena, con ordinanza non impugnabile fisserà l'udienza di cui all'articolo 183 c.p.c.. In tal caso si dovranno applicare le disposizioni del libro II del codice di procedura civile. Se, invece, sarà la domanda riconvenzionale proposta dal convenuto a richiedere un'istruzione non sommaria, il giudice disporrà la separazione delle cause.
Puoi leggere questo intervento di Alessandro Cassazno sulla rivista www.lapraticaforense.it alla pagina http://www.lapraticaforense.it/doc.do?did=4817186. Al primo accesso viene richiesta la registrazione.
(05/10/2009 - Editore Maggioli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobileTassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF