Sei in: Home » Articoli

Cassazione: coniuge lascia l'Italia per assistere parente all'estero? No all'addebito

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 18235/2009) ha stabilito che non può essere considerata causa di addebito della separazione il fatto di lasciare l'Italia per andare a curare la madre all'estero. Nel caso di specie, la Corte ha evidenziato che il ricorso “inammissibilmente si risolve o in critiche generiche, apodittiche e non contornate dalla testuale trascrizione delle deposizioni testimoniali che il ricorrente invoca a sostegno delle censure, o in rilievi essenzialmente volti ad un diverso ed aderente alla sua tesi apprezzamento dei medesimi dati, non consentito in questa sede di legittimità, o, ancora, nella infondata denunzia di omesse analisi comparative,laddove, invece, i giudici di merito risultano essere pervenuti all'avversar conclusione puntualmente analizzando e raffrontando i contegni tenuti da ciascun coniuge ed ineccepibilmente, anche per il profilo motivazionale, ritenendo che la definitiva frattura del rapporto coniugale fosse dipesa dalla reiterata violazione da parte del (…) dell'obbligo di fedeltà coniugale, che, integrando un comportamento contrario ai doveri che nascono dal matrimonio (…) e segnatamente di un obbligo ricompresi tra i doveri reciproci dei coniugi 8…), costituiva causa sufficiente ai fini dell'addebito, senza necessità di ulteriore verifica dell'assolvimento o meno degli altri”.
(15/09/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss