Fisco: meno interessi su somme pagate in ritardo

Buone notizie per il contribuenti: a partire dal prossimo mese gli interessi di mora sulle somme pagate in ritardo a seguito della notifica di una cartella di pagamento saranno più 'leggeri' di oltre un punto e mezzo. E' stato infatti pubblicato un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, che ridetermina (dall'8,4% al 6,8358%) il tasso da applicare a partire dal 1° ottobre 2009. Questa rideterminazione è stata fatta tenendo conto della media dei tassi bancari attivi riferiti al 2008. Si tratta di un provvedimento che completa quanto già delineato dal decreto del ministero dell'Economia e delle Finanze del 21 maggio 2009 in materia di razionalizzazione degli interessi per la riscossione e il rimborso dei tributi. Il decreto tra le altre cose prevede la riduzione dal 6 al 4% degli interessi per i contribuenti che pagano a rate o in ritardo le somme dovute in base alle dichiarazioni annuali dei redditi, Iva e Irap.
Altre informazioni su questo argomento e testo del provvedimento
(06/09/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Telemarketing: addio chiamate selvagge
» Biotestamento: è legge
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF