Sei in: Home » Articoli

Lastrici solari ad uso esclusivo e responsabilità per danni

I lastrici solari, anche se in uso esclusivo di uno dei condomini, hanno la funzione di copertura del fabbricato e l’obbligo di provvedere a eventuali riparazioni (che non siano dipese da tale condomino) grava su tutti. La relativa spesa deve essere ripartita sulla base di quanto stabilito dall’art. 1126 del codice civile (ossia 1/3 a carico di chi ha l’uso esclusivo e 2/3 a carico di tutti i condomini dell’edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno). In merito è intervenuta la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sentenza n. 642 del 17 gennaio 2003) precisando che “il condominio, quale custode ex art. 2051 c.c. - in persona dell'amministratore, rappresentante di tutti i condomini tenuti ad effettuare la manutenzione, ivi compreso il proprietario del lastrico o colui che ne ha l'uso esclusivo - risponde dei danni che siano derivati al singolo condomino o a terzi per difetto di manutenzione del lastrico solare”. A tal fine, spiega la Corte, “i criteri di ripartizione delle spese necessarie non incidono sulla legittimazione del condominio nella sua interezza e del suo amministratore, comunque tenuto a provvedere alla conservazione dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio”.
(21/02/2003 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Reversibilità alla moglie anche senza mantenimento
» Condominio: il convegno di StudioCataldi.it a Roma
» Lo statuto dei lavoratori
» Riforma processo civile e penale: verso l'epilogo
» Mancata mediazione: i giudici non sanzionano e lo Stato perde milioni di euro
Newsletter f t in Rss