Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Matrimonio dichiarato nullo da sentenza ecclesiastica? L'assegno divorzile si paga comunque se c'è giudicato

La prima sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza 12982/2009) ha stabilito che "una volta che nel giudizio con il quale sia stata chiesta la cessazione degli effetti civili di un matrimonio concordatario venga accertata la spettanza, ad una delle parti, dell'assegno di divorzio, ed una volta che su di essa si sia formato il giudicato, la relativa statuizione si rende intangibile ai sensi dell'art. 2909 cod. civ., anche nel caso in cui successivamente ad essa sopravvenga la delibazione di una sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio". Come spiega la Corte, "le sentenze di divorzio passano in cosa giudicata "rebus sic stantibus", rimanendo cioè suscettibili di modifica quanto ai rapporti economici o all'affidamento dei figli, in relazione alla sopravvenienza di fatti nuovi, mentre la rilevanza dei fatti pregressi e delle ragioni giuridiche non addotte nel giudizio che vi ha dato luogo rimane esclusa in base alla regola generale secondo cui il giudicato copre il dedotto e il deducibile".
Vai alla motivazione di questa sentenza
(10/08/2009 - Redazione)

In evidenza oggi:
» Marito dispotico: separazione con addebito
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pi "fashion"
» Cassazione: bigenitorialit non vuol dire tempi uguali coi figli
Newsletter f g+ t in Rss