Sei in: Home » Articoli

Turismo: abbandono cani in vacanza? Le nuove misure per contrastare il fenomeno

Il Ministero del Turismo ha reso noto che, in vista delle vacanze estive, al fine di combattere il fenomeno dell'abbandono dei cani, ha realizzato un progetto 'Turista a 4 zampe' anche al fine di valorizzare le imprese turistiche che accolgono gli animali. Il progetto, per la cui realizzazione, hanno contributo anche le associazioni di categoria Assoturismo, Confturismo e Federturismo prevede la realizzazione di un sito ‘www.turistia4zampe.it' in cui è prevista una guida on-line che raccoglie migliaia di esercizi pubblici, alberghi, ristoranti, agriturismi, campeggi, Bed & Breakfast e spiagge che accettano cani, gatti e altri animali e offrono loro servizi. Il sito fornisce utili informazioni su come organizzare il viaggio, nonché i testi delle normative vigenti.
E' inoltre previsto un premio cd. di ‘accoglienza bestiale' per gli esercenti che meglio si distinguono nell'ospitalità degli ‘amici a 4 zampe' che hanno ricevuto più giudizi positivi nel sito.
Gli esercizi che hanno aderito all'iniziativa saranno riconoscibili attraverso una vetrofania che riporta lo slogan 'Welcome turista a 4 zampe' e che verrà posta all'ingresso della struttura. Questa vetrofania contraddistinguerà il sistema dell'ospitalità italiana che dà il benvenuto agli animali. Il Ministero ha inoltre realizzato uno spot istituzionale, che sarà trasmesso dalla seconda metà di luglio sulle reti televisive nazionali, con l'obiettivo di valorizzare le imprese turistiche che danno il benvenuto agli animali e contribuire alla lotta contro l'abbandono estivo.
(25/07/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF