Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dirigente mobbizza dipendenti? Può rischiare sospensione incarico

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 28553/2009) ha stabilito che il dirigente che mobbizza i suoi sottoposti va incontro alla sospensione dall'incarico. Nel caso di specie la Corte, nel confermare la sentenza di condanna di primo grado inflitta a un dirigente della PA ‘reo' di aver mobbizzato i suoi dipendenti, ha rilevato che “il Tribunale ha affrontato sia il tema della legittimità o non dei procedimenti disciplinari riconducibili all'indagato, di cui ha rimarcato l'inconferenza valutativa con il confronto della giurisprudenza di questa Corte regolatrice (…), sia la lineare riconducibilità sostanziale e non solo formale (in virtù della sua carica aziendale) (…) dei contegni prevaricatori attuati nei confronti di numerosi dipendenti (…)”.
“Il Tribunale ha offerto – prosegue la Corte -, infatti, una indiretta risposta ai rilievi formali del consulente sulla formazione dei collegi di valutazione della significatività medico – diagnostica degli episodi di mobbing, per il semplice motivo che la solidità del quadro indiziario è stata apprezzata in particolar modo in base alle dichiarazioni dei singoli lavoratori (…) raggiunti da comportamenti di mobbing (richiami, censure, procedimenti disciplinari, mansioni ridotte, ecc.)”.
(17/07/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF