Sei in: Home » Articoli

Cassazione: compiti del datore di lavoro per arginare le morti bianche

La Corte di Cassazione ha stilato un vademecum per i datori di lavoro per arginare il fenomeno delle "morti bianche". Nella sentenza 27819 del 2009 la Corte (Quarta sezione penale) sottolinea che il datore di lavoro, "in quanto titolare della relativa posizione di garanzia", ha "l'obbligo di istruire i lavoratori sui rischi connessi alle attivita' lavorative svolte" e deve "adottare tutte le opportune misure di sicurezza, la effettiva predisposizione di queste". Ma non basta il capo deve anche garantire "il controllo, continuo ed effettivo, circa la concreta osservanza delle misure predisposte per evitare che esse vengano trascurate o disapplicate". Spetta poi sempre al datore di lavoro "il controllo sul corretto utilizzo, in termini di sicurezza, degli strumenti di lavoro e sul processo stesso di lavorazione". Sulla scorta di questi principi la Corte ha confermato una condanna per omicidio colposo, nei confronti di un imprenditore accusato di aver provocato la morte di un suo dipendente "per colpa generica e specifica, violando in particolare le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e per non avere adottato le misure di sicurezza sufficienti per la protezione della zona di lavoro dell'infortunio, per non avere predisposto la segnaletica stradale sufficiente a garantire l'incolumita' dei lavoratori e per non avere fornito i dispositivi di protezione individuali idonei, quali indumenti specifici con inserti catarifrangenti".
Altre informazioni su questa sentenza
(08/07/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'č stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invaliditą: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignitą


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss