Sei in: Home » Articoli

Corte di Giustizia CE bacchetta Stato italiano per mancato adeguamento normativa su trattamento aziende in scrisi

Condividi
Seguici

La Repubblica italiana, mantenendo in vigore le disposizioni di cui all'art. 47, commi 5 e 6, della legge 29 dicembre 1990, n. 428, in caso di «crisi aziendale» a norma dell'art. 2, quinto comma, lett. c), della legge 12 agosto 1977, n. 675, in modo tale che i diritti riconosciuti ai lavoratori dall'art. 3, nn. 1, 3 e 4, nonché dall'art. 4 della direttiva del Consiglio 12 marzo 2001, 2001/23/CE (concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimento di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti) non sono garantiti nel caso di trasferimento di un'azienda il cui stato di crisi sia stato accertato, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza di tale direttiva. E' questo il contenuto di una decisione dei Giudici di Lussemburgo (Sez. II n. 561 del 11/06/2009).
Il testo integrale di questo articolo è disponibile qui
Avv. Giuseppe Leotta - lavoroediritto.it
(02/07/2009 - Lavoroediritto.it)
In evidenza oggi:
» Non è offesa dire al collega "non sei un vero avvocato"
» Spetta sempre ai genitori pagare per i figli maleducati

Newsletter f t in Rss