Sei in: Home » Articoli

Fecondazione: Tribunale Vigevano nega inseminazione da marito in coma

Il Tribunale di Vigevano ha detto no alla richiesta di una donna di poter concepire un figlio utilizzando il seme del marito che, per un tumore al cervello, si trova in uno stato di coma irreversibile. In un'intervista resa all'Adnkronos Salute, il difensore della donna, Avv. Claudio Diani ha dichiarato di non conoscere ancora le motivazioni del provvedimento ma che ricorrerą in appello contro questa decisione. Secondo Severino Antinori, il ginecologo che ha in cura la donna si tratta di "Una sentenza in contraddizione con quanto disposto precedentemente quando ci fu permesso di ottenere il liquido seminale dal paziente, per poi utilizzarlo su sua moglie". Antinori, attendeva infatti l'autorizzazione del tribunale per procedere all'inseminazione con il materiale biologico estratto dall'uomo in coma nello scorso mese di febbraio. "Non escludo - prosegue Antinori - che ora la donna decida di trasportare i gameti del suo partner all'estero e di risolvere li' la questione.
Quella del tribunale di Vigevano e' una decisione dettata da influssi religiosi, una sentenza crudele per una persona che desidera un figlio".
(04/06/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilitą disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss