La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. n. 12630/2009) ha stabilito che il contribuente che non va all'appuntamento con il funzionario dell'Agenzia delle Entrate, per dimostrare il reddito inferiore e farsi annullare l'accertamento, non deve necessariamente pagare le maggiori imposte. Può infatti fare causa al fisco in un secondo momento e dimostrare così il vero reddito. La Corte ha osservato che "vero è che la mancata partecipazione del contribuente, debitamente invitato, all'attività amministrativa istruttoria in contraddittorio con l'ufficio tributario legittima l'adozione dell'avviso di accertamento presuntivo; ciò tuttavia non impedisce al contribuente medesimo di fornire, in sede processuale, la prova che non ha dato in sede procedimentale amministrativa".
Condividi
Feedback

(04/06/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sospeso l'avvocato che riceve e ascolta il minore senza avvisare il genitore
» Coronavirus: in vigore le nuove sanzioni