Sei in: Home » Articoli

Cassazione: divulgazione segreti aziendali? Non punibile se non danneggia l'impresa

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 17744/2009) ha stabilito che non è punibile il dipendente che divulga i segreti aziendali a meno che l'impresa non riesca a dimostrare che il flusso di informazioni alla concorrenza ha causato un danno concreto. Gli Ermellini hanno infatti precisato che “ai sensi dell'art. 621 c.p. la rivelazione del contenuto di documenti segreti costituisce reato solo se dal fatto deriva un nocumento, inteso questo come pregiudizio giuridicamente rilevante di qualsiasi natura possa derivare a colui che abbia il diritto alla segretezza dei documenti.
La sentenza impugnata ha accertato che non vi fu nocumento, dal momento che dei documenti segreti non fu fatto uso e che non è stata accertata o individuata la presenza di un qualsiasi pregiudizio di natura, anche non patrimoniale, per la (…). La mancanza del nocumento, condizione di punibilità del fatto, esclude la sussistenza del reato anche solo tentato”.
(30/04/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Cannabis terapeutica: sì della CameraCannabis terapeutica: sì della Camera
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF