Sei in: Home » Articoli

Cassazione: prestanome conti bancari? Sempre responsabili

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 8127/2009) ha stabilito che i prestanome dei conti bancari gestiti da un familiare o da altri risponde sempre personalmente verso gli illeciti fatti ai terzi, anche se completamente all'oscuro delle operazioni scorrette. Gli Ermellini hanno quindi pronunciato il seguente principio di diritto “qualora un soggetto acconsenta, su richiesta di un altro, ad intestarsi un conto corrente in via fiduciaria, cioè con l'intesa che le somme che su di esso transitino sono di pertinenza dell'altro soggetto, che costui avrà in concreto la gestione del conto e che essa sarà, però, utilizzati per lo svolgimento di un'attività lecito di detto soggetto, l'intestatario del conto (fiduciario) è tenuto, per il fatto stesso di apparire verso i terzi come intestatario del conto ed a maggior ragione per il fatto di non averne la concreta gestione, ad esercitare la necessaria vigilanza sul rispetto da parte di quel soggetto della finalizzazione dell'utilizzo del conto corrente esclusivamente all'esercizio di detta attività, conforme agli accordi presi.
Ne consegue che, qualora l'intestatario ometta di esercitare tale vigilanza, disinteressandosi completamente della gestione del conto (astenendosi, come nella specie, dal controllare gli estratti conto e rimettendoli senza leggerli all'altro soggetto, firmando assegni in bianco che venivano riempiti dal medesimo e non preoccupandosi neppure di conoscere quale fosse l'importo accreditato), e l'altro soggetto utilizzi il conto corrente per realizzare un illecito in danno di terzi, l'intestatario del conto corrente può rispondere sul piano causale a titolo di imprudenza e negligenza, ai sensi dell'art. 2043 c.c., del danno cagionato ai terzi per effetto dell'illecito”.
(14/04/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti in piazza per l'equo compensoAvvocati e professionisti in piazza per l'equo compenso
Condominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzatoCondominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF