L'Agenzia delle entrate ha reso noto di aver emanato una circolare (n. 10) nella quale ha spiegato le modifiche che sono state apportate in materia fiscale dal decreto anticrisi n. 185/2008 (ravvedimento operoso, potenziamento delle procedure di riscossione e abolizione di alcuni obblighi di natura tributaria). Sulla base di quanto emerge dalla circolare, le nuove norme introdotte, rendono più conveniente per il contribuente il ricorso al ravvedimento operoso attraverso una diminuzione delle sanzioni applicabili, cancellano alcuni obblighi tributari a carico di attività commerciali e rendono più efficace il recupero dei crediti da parte del fisco, che d'ora in poi potrà espropriare eventuali beni senza prima sottoporli ad ipoteca.
Condividi
Feedback

(12/04/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Taglio del cuneo fiscale dal 1° luglio 2020
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!