L'autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha reso noto di aver emanato una disposizione (pubblicata lo scorso 18 marzo) in materia di livello sonoro dei messaggi pubblicitari e delle televendite. E' stato quindi chiarito che le emittenti radiotelevisive sia pubbliche che private nonché i fornitori di contenuti operanti su frequenze terrestri e via satellite non possono diffondere messaggi pubblicitari e televendite con una potenza superiore a quella ordinaria dei programmi, misurata secondo i parametri tecnici e le metodologie di rilevamento. E' stato quindi previsto un periodo di applicazione sperimentale della nuova regolamentazione, della durata di sei mesi a decorrere dall'entrata in vigore della delibera, con sospensione della sua efficacia sanzionatoria, al fine di consentire un graduale adeguamento da parte delle emittenti e delle case di produzione dei messaggi pubblicitari, l'acquisto, l'installazione, la messa in funzione delle apparecchiature di misura, l'affinamento delle procedure di verifica.
Nel provvedimento è stato quindi evidenziato che, presso l'Autorità, è stato istituito un tavolo tecnico di monitoraggio con la partecipazione delle emittenti e dei fornitori di contenuti nonché delle associazioni rappresentative degli stessi e delle istanze dei consumatori, che procederà, a rilevazioni soggettive del livello sonoro dei messaggi pubblicitari e delle televendite per verificare l'impatto di precise e definite soglie di tolleranza.
Condividi
Feedback

(29/03/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Responsabilità medica: le linee guida vanno 'calate' nel caso concreto
» Coronavirus: pratica avvocati valida senza udienze