Sei in: Home » Articoli

Nike sotto accusa per pubblicità ingannevole

Secondo quanto rende noto l'Unione Nazionale Consumatori, l'autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato un procedimento nei confronti della società Nike per pratica commerciale scorretta, grazie alla segnalazione dell'associazione che si batte per la tutela dei consumatori. Il prodotto sotto accusa è il contapassi Nike, realizzato grazie anche alla collaborazione della Apple: secondo la denuncia dell'associazione, nella pubblicità non ci sarebbe l'indicazione della durata della batteria che una volta esaurita non può essere più sostituita.
A quel punto, l'acquirente, dovrebbe sostituire totalmente l'intero prodotto. I consumatori conoscendo questo particolare avrebbero indirizzato diversamente la propria scelta. Secondo la normativa che vieta la pubblicità ingannevole, si deve ritenere tale, quella pubblicità che “in qualunque modo, compresa la sua presentazione sia idonea ad indurre in errore le persone fisiche o giuridiche alle quali e' rivolta o che essa raggiunge e che, a causa del suo carattere ingannevole, possa pregiudicare il loro comportamento economico ovvero che, per questo motivo, sia idonea ledere un concorrente”, come si all'art. 20, lettera b) del d.lgs. 205/2005, “codice del Consumo, a norma dell'art.7 della legge 29 luglio 2003, n.299.
(21/03/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Case, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla CameraCase, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla Camera
Divorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegnoDivorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegno
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF