Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anche dare delle "mezze maniche" è una ingiuria

Ancora una volta la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi in materia di ingiurie ponendo questa volta un limite al potere gerarchico dei datori di lavoro. Questi hanno si il potere di richiamare i propri dipendenti ma non posso arrivare ad ingiuriarli. Per questo secondo la Corte dare delle “mezze maniche” ai propri dipendenti intera gli estremi del reato di ingiuria giacché offende l'onore o il decoro della persona. Ed è proprio in ambito lavorativo che si deve avere particolare attenzione a distinguere tra ciò che costituisce un legittimo “richiamo” del dipendente e ciò che invece sconfina dai limiti della correttezza del rispetto della dignità umana.
Non si può dunque legittimare l'uso di espressioni offensive, neppure se fanno parte del linguaggio corrente ed è per questo che occorre moderare i toni per evitare che una critica possa sfociare in un'offesa per il lavoratore che nulla ha a che fare il potere di correzione e disciplinare. La Corte, con sentenza 6758/2009, nel caso preso in esame ha evidenziato che alcune espressioni utilizzate dal datore di lavoro nell'ambito di un formale richiamo ai suoi dipendenti contenevano una valenza offensiva e mortificatrice della persona che è andata ben oltre il legittimo esercizio di una facoltà di critica in ambito lavorativo.
(19/02/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Affido condiviso: sì alla shared custody dei figli
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Le misure cautelari personali coercitive
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss