Roma (Adnkronos) - Gli sprechi nella Pubblica amministrazione sono ingenti. Il Procuratore generale della Corte dei Conti, Vincenzo Apicella, denuncia l'inefficienza della macchina burocratica pubblica nella relazione in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2003. Alla presenza del capo dello Stato e delle maggiori rappresentanti delle istituzioni Apicella sottolinea come vi e' una ''diffusa presenza, nella macchina burocratica pubblica, ed anche nel tessuto normativo, di inadeguatezze e di insufficienze, di lacune e di omissioni, di errori e di disattenzioni, di lentezze e di ritardi, che, alla fine, producono risultati deludenti in relazione ai fini voluti: cio' non solo con riferimento ai programmi sotto l'aspetto politico, ma anche, sotto quello finanziario, rispetto all'utilizzazione del pubblico denaro, con la conseguenza del verificarsi di quegli sprechi che sono, di volta in volta, frammentati o concentrati, ma in ogni caso ingenti''.
Condividi
Feedback

(09/02/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Giustizia: stop udienze fino all'11 maggio
» Coronavirus: mutui prima casa sospesi anche per i morosi