Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Moglie bisex tradisce? Perde il mantenimento anche se il marito è violento

Anche di fronte a gesti di inaccettabile violenza del partner il tradimento bisex viene considerato più grave ai fini dell'addebito della separazione. Sempre che la violenza sia stata il frutto di una reazione alla scoperta del tradimento. Secondo la Cassazione, dunque, se una moglie bisex è infedele, perde l'assegno di mantenimento anche se dimostra che il suo ex marito l'ha picchiata. Nel caso esaminato dalla Corte la donna aveva intrapreso una relazione extraconiugale con un uomo e con la rispettiva moglie. Il marito dopo aver scoperto il menage a trua aveva reagito in modo violento. In primo grado il Tribunale aveva addebitato a lui la colpa della separazione proprio perchè aveva ritenuto inammissibile la violenza del marito.
Successivamente la corte d'Appello e ora anche la Cassazione (sentenza 1734/2008) hanno ribaltato il verdetto affermando che la violenza del marito sarebbe giustificabile come reazione al tradimento inusuale della moglie.
(31/01/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss