Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno da fumo, occorre prova rigorosa anche del nesso di causalità

La Corte di Cassazione intervenendo in materia di risarcibilità del danno da fumo di sigarette “light”, ha accolto il ricorso della British American Tobacco annullando la una sentenza del Giudice di Pace di Napoli che aveva riconosciuto il diritto al risarcimento del danno. Secondo la Corte, che non esclude in linea di principio la risarcibilità del danno, chi intende ottenerlo deve fornire la prova rigorosa del nesso di causalità tra l'evento e il danno, del dolo o almeno della colpa della Societa' produttrice, ed infine dell'esistenza e dell'ingiustizia del danno. In buona sostanza la Corte non fa che richiamare di fatto il principio contenuto nell'art. 2697 del codice civile (Onere della prova) in base al quale “chi vuol far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”.
(20/01/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF