Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno da fumo, occorre prova rigorosa anche del nesso di causalità

La Corte di Cassazione intervenendo in materia di risarcibilità del danno da fumo di sigarette “light”, ha accolto il ricorso della British American Tobacco annullando la una sentenza del Giudice di Pace di Napoli che aveva riconosciuto il diritto al risarcimento del danno. Secondo la Corte, che non esclude in linea di principio la risarcibilità del danno, chi intende ottenerlo deve fornire la prova rigorosa del nesso di causalità tra l'evento e il danno, del dolo o almeno della colpa della Societa' produttrice, ed infine dell'esistenza e dell'ingiustizia del danno. In buona sostanza la Corte non fa che richiamare di fatto il principio contenuto nell'art. 2697 del codice civile (Onere della prova) in base al quale “chi vuol far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”.
(20/01/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss