Il TAR Abruzzo, sez. Pescara, con sentenza n. 1185/01 ha stabilito che il venir meno della effettiva convivenza matrimoniale, in un lasso di tempo brevissimo, è ragione valida e sufficiente per l’adozione dell’atto di revoca del permesso di soggiorno. Diversamente il matrimonio verrebbe ingiustificatamente strumentalizzato per il raggiungimento di finalità diverse e/o ulteriori rispetto a quelle proprie dell’istituto. La decisione è stata presa con riguardo al caso di una donna extracomunitaria che aveva sposato un cittadino italiano per evitare il provvedimento di espulsione e si era separata dopo pochi mesi. Di qui il provvedimento di revoca del permesso di soggiorno da parte del questore di Pescara e la presentazione del ricorso che però, sulla scia dell’orientamento formatosi con la precedente sentenza n. 936/2001 dello stesso TAR, è stato rigettato dai giudici amministrativi: lo straniero che scioglie in maniera repentina la convivenza matrimoniale con il cittadino italiano perde il diritto alla cittadinanza e dunque, allo scadere del permesso di soggiorno, deve essere espulso.
Vedi anche:
- Il permesso di soggiorno (guida legale)
- La raccolta di articoli e approfondimenti sul permesso di soggiorno
Condividi
Feedback

(02/01/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Giustizia: stop udienze fino all'11 maggio
» Coronavirus: mutui prima casa sospesi anche per i morosi