Cassazione: dipendenti pubblici lavorano all'estero? Le tasse vanno pagate in Italia

La Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 29455/2008) ha stabilito che i pubblici dipendenti che lavorano nelle sedi italiane all'estero (anche se iscritti all'AIRE), debbono pagare le tasse allo Stato Italiano e ciò anche se l'Ente è stato trasformato in società di capitali a partecipazione statale. Gli Ermellini, accogliendo il ricorso presentato dall'Agenzia delle Entrate, ha stabilito che “sono soggetti a prelievo fiscale in Italia i redditi derivanti da lavoro dipendente prestato all'estero da parte di cittadini italiani iscritti all'anagrafe dei residenti all'estero” quando si tratta di somme che hanno origine in Italia.
In buona sostanza, se il datore di lavoro ha i suoi uffici principali in Italia, le trattenute in busta paga debbono seguire le regole del paese stesso da dove proviene lo stipendio. Infine, la Corte ha precisato che “l'iscrizione del cittadino italiano all'anagrafe dei residenti all'estero non è elemento determinante per escludere la residenza fiscale in Italia”.
(13/01/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss