Sei in: Home » Articoli

Ministero Ambiente: risparmi e energia nelle aree urbane

Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha stanziato 10.000.000,00 euro per il finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all'utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane. Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre 2008 e contiene le modalità e i relativi termini per la presentazione delle domande, i criteri per la selezione dei progetti ammissibili al finanziamento, i limiti di cofinanziamento, la documentazione da produrre, le indicazioni utili per la concessione dei contributi, nonché le risorse disponibili.
La domanda di contributo può essere presentata dalle imprese associate, anche in forma temporanea. L'associazione deve comprendere enti pubblici di ricerca la cui quota di partecipazione non sia superiore al 50%. Il Bando finanzia, in particolare, la realizzazione di studi e progetti di ricerca nei seguenti settori: a) incremento dell'efficienza energetica negli usi finali e utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, con particolare riguardo agli interventi mirati alla riduzione delle emissioni inquinanti in aree urbane; b) produzione, stoccaggio e distribuzione di idrogeno da fonti di energia rinnovabili;c) interventi sui sistemi di locomozione ed infrastrutture dedicate, per il miglioramento della qualità ambientale in aree urbane.
La percentuale massima di contributo è pari al 50% dei costi ammissibili, siano essi relativi alla ricerca industriale e/o allo sviluppo sperimentale. Il costo complessivo ammissibile di ogni singolo progetto presentato dovrà essere non inferiore ai 300.000,00 euro e non superiore ai 3.000.000,00. Il Fondo per la promozione delle risorse rinnovabili (FORR) è stato istituito dalla legge 31 dicembre 2004, n. 311 (art. 1 comma 248).
(11/01/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF