Sei in: Home » Articoli

Mutui con tassi superiori al 6%. La denuncia del Codacons

Sono centinai le segnalazioni che arrivano al Codacons in riferimento all'aumento che hanno subito i tassi d'interessi dei mutui fino ad arrivare al 6%. Moltissimi cittadini ma anche molti notai hanno, infatti, denunciato la situazione che si è venuta a creare a causa di mutui stipulati con tassi superiori al 6,28% mentre la situazione del mercato dovrebbe vedere i tassi variabili fermi al 3,4 % e i tassi fissi fino al 4%. L'euribor, che misura il tasso di interesse medio delle principali transazioni finanziarie, è infatti sceso al 3,13 . L'associazione denuncia inoltre la mancata comunicazione da parte degli istituti di credito della possibilità per i clienti di passare dal tasso fisso al tasso variabile, più conveniente, come ha evidenziato Gian Vittorio Cafagno, uno dei componenti del Consiglio Nazionale del Notariato. Secondo i dati riportati dall'associazione, ogni famiglia, in riferimento al maggior costo del mutuo rispetto al mercato, spenderebbe circa 1668 euro in più, nel caso di tasso fisso e cioè 139 euro al mese, mentre la spesa salirebbe a 2148 euro in più per quanto riguarda i mutui a tasso variabile, con un esborso mensile pari a 179 euro a famiglia. Oltre all'invito ai cittadini a non accettare condizioni “folli” come vengono definite queste condizioni dal Codacons, l'associazione ha denunciato le banche all'Autorità Antitrust chiedendo l'intervento della Guardia di Finanza.
(06/01/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti Cassazione: sospeso l'avvocato che esegue troppi pignoramenti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF