Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo licenziamento di chi lede prestigio e immagine dell'azienda

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sentenza n. 29008/2008) occupandosi del caso di un lavoratore che nel corso di tre assemblee pubbliche si era lanciato in esternazioni di discredito nei confronti dell'azienda in cui lavorava, ha stabilito che un simile comportamento, quando va oltre il diritto di critica e si traduce in una condotta gravemente offensiva della professionalitÓ dell'azienda, deve essere considerato come una violazione dell'obbligo di fedeltÓ di cui all'articolo 2105 del codice civile. Tale norma impone al prestatore di lavoro, tra le altre cose, di non divulgare notizie attinenti all'organizzazione e ai metodi di produzione dell'impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio. Nel caso esaminato dalla Corte oltretutto le esternazioni del dipendente erano finite sulla stampa locale. Legittimo dunque, secondo gli ermellini il licenziamento deciso dal datore di lavoro essendosi verificata ai sensi del'art. 2119 una causa che non consente la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto.
(04/01/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss