Sei in: Home » Articoli

Lavoro: Toscana, nuove risorse per la formazione su qualità e sicurezza

Il ministero del Lavoro e della Previdenza sociale ha assegnato alla regione Toscana 12 milioni di Euro che saranno destinati in gran parte per lo sviluppo di piani formativi che puntino alla qualità e alla sicurezza sul lavoro. Una delibera approvata dalla giunta regionale ha stabilito i criteri per la ripartizione di queste risorse tenendo conto anche della ripartizione gia' effettuata dal ministero. ''La giunta regionale - spiega l'assessore Gianfranco Simoncini - ha deciso le priorita' con cui verranno assegnate le risorse in base ad un criterio guida principale che e' quello della sicurezza sul lavoro, unito alla maggiore qualificazione e riqualificazione del personale. Complessivamente si tratta di un pacchetto di risorse che, secondo l'esperienza gia' maturata, e' molto utile per l'affermarsi e il diffondersi di buone pratiche e per supportare i processi di riqualificazione produttiva.
Inoltre la formazione contribuisce ad offrire ai lavoratori delle aziende e dei settori in crisi l'opportunita' di acquisire nuove professionalita' indispensabili per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali''. IL 41% delle risorse sarà assegnato alle province, al circondario Empolese-Valdelsa e a quello Val di Cornia, per piani formativi aziendali e pluriaziendali, territoriali o settoriali o di filiera. Il 40% del totale sarà invece utilizzato per assegnare voucher individuali a lavoratori in mobilità o interessati ad ammortizzatori sociali, ma anche a lavoratori con più di 45 anni o in possesso della sola licenza di scuola dell'obbligo. Una parte di queste risorse interesserà anche chi ha un contratto a tempo determinato e le donne in età compresa fra i 35 e 45 anni. I voucher, che avranno un importo massimo di 3mila euro, possono essere assegnati anche ai lavoratori che chiedono di frequentare corsi per la sicurezza sul lavoro. Una ulteriore quota dei finanziamenti pari a 1 milione e 799 mila euro, sarà poi destinata a voucher aziendali e assegnati a livello provinciale o dei circondari. Le ultime due quote (una di 1 milione di euro, l'altra di 500 mila) serviranno da un lato per la formazione per i lavoratori coinvolti in crisi aziendali, per l'assunzione di disoccupati a seguito di crisi aziendali o in zone o settori in crisi dove vi siano stati accordi in tal senso con le parti sociali. Dall'altro per la formazione nell'ambito dei servizi pubblici locali.
(04/01/2009 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Biotestamento: è legge
» Addio animali nei circhi: entro un anno le norme
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF