Sei in: Home » Articoli

Parti comuni di un immobile: definizione di "edificio" e "suolo"

Condividi
Seguici

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 18091/2002) è intervenuta in materia di diritto condominiale, precisando che, relativamente alle parti comuni di un immobile in condominio, con il termine “edificio” si deve intendere “l'intero manufatto, dalle fondamenta al tetto, inclusi, quindi, anche i vani scantinati compresi tra le fondamenta stesse”. Quando si parla del “suolo su cui sorge l’edificio”, si fa invece riferimento porzione di terreno su cui viene ad insistere l'intero fabbricato e, più specificamente, la parte inferiore di esso. Alla stregua di questa precisazione, i Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che i condomini sono comproprietari non della superficie a livello di campagna che a causa della costruzione del fabbricato è venuta a mancare, bensì dell'area di terreno sita in profondità, sottostante, cioè, la superficie alla base del fabbricato, sulla quale posano le fondamenta dell'immobile.
(31/01/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» Incidenti stradali: aumenta il danno biologico
» Il testo del codice di procedura penale aggiornato. Anche in formato PDF
» Online la versione aggiornata del codice penale. Anche in PDF
» Guidare un natante senza patente nautica: ecco tutte le regole

Newsletter f t in Rss