Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il danno alla professionalità? Non si applicano le trattenute fiscali

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 28887/2008) ha stabilito che non vanno applicate le trattenute fiscali sulle somme risarcite dall'azienda al lavoratore a titolo di danno all'immagine e alla professionalità. Gli Ermellini hanno infatti precisato che “la giurisprudenza di legittimità è ferma nel ritenere che in tema di imposte sui redditi, in base al dettato dell'art. 6, comma secondo, del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, le somme percepite dal contribuente a titolo risarcitorio possono costituire reddito imponibile ma solo quando abbiano la funzione di reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione dei redditi” e che “non sono assoggettabili a tributo l'indennità corrisposta dal datore di lavoro, a titolo di risarcimento del danno, per la reintegrazione delle energie psicofisiche spese dal lavoratore oltre l'orario massimo di lavoro da lui esigibile”.
(15/12/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Affido condiviso: sì alla shared custody dei figli
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Amministratore di condominio in giudizio senza l'autorizzazione assembleare
» Privacy: da domani al via Gdpr in tutta Ue


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss