Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Castelli, depenalizziamo ma senza lassismo

Roma (Adnkronos) - Pene certe e nessun lassismo nel nuovo codice penale. Il ministro della Giustizia, Roberto Castelli, presenta cosi' i primi principi cardine del nuovo codice penale che sara' riformato dalla Commissione Nordio. Cancellati o rivisti oltre 200 reati del codice Rocco vecchio di 75 anni. ''Ma -tiene a precisare il Guardasigilli- la depenalizzazione non significa affatto lassismo. Anzi il nuovo codice vuole dare un segnale di rigore e garantire pene certe, rapide, in modo da introdurre misure deterrenti piu' efficaci''. Saranno depenalizzati i vilipendi e i cosiddetti 'delitti di opinione'. ''Un terreno delicato questo - osserva Castelli -. Abbiamo voluto fare una distinzione tra pensiero e azione, salvaguardano la liberta' del cittadino di esprimere le proprie opinioni che possono anche non essere condivise o urtare la sensibilita' di chi le riceve.
Insomma -sintetizza Castelli- un cittadino deve poter dire le sciocchezze piu' grandi che crede. Cio' che importa e' la responsabilita'''. Il ministro si serve di un esempio. Quello della bandiera nazionale. Se oggi si finisce in carcere sia parlandone male sia bruciandola in luogo pubblico, con il nuovo codice della Commissione Nordio la reclusione scattera' solo se si passera' ai fatti. ''Si tratta di un primo frutto parziale, certamente non esaustivo -precisa il Guardasigilli- ma significativo del lavoro della Commissione che ha lavorato in termini rapidi e che la stessa aveva presentato prima delle vacanze estive''.
(28/01/2003 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» La responsabilitÓ oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF