Sei in: Home » Articoli

Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali: al via il collocamento mirato per i disabili

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha diramato una nota con la quale ha fissato i contenuti e le modalità della domanda che i datori di lavoro possono presentare per essere autorizzati ad assumere, in alcune Province, lavoratori disabili in numero superiore a quello previsto, portando le eccedenze a compenso del minor numero di lavoratori da assumere in altre Province. La compensazione, è un istituto previsto dall'art. 5 della L. n. 68 del 12/3/1999, con il quale si da la possibilità ai datori di lavoro con più unità produttive, di accentrare le assunzioni dei disabili dove la struttura aziendale è meglio organizzata per il loro inserimento e quindi assumere in eccesso una o più unità. Va presentata un'istanza (in bollo di € 14,62 ogni quattro facciate) al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali - Direzione generale Mercato del lavoro - Divisione III, Via Cesare de Lollis 12, 00185 Roma, e si deve riportare i dati conoscitivi relativi alla società, al personale in servizio, agli obblighi di assunzione. Per le Province interessate alla compensazione è necessario indicare sia la Provincia interessata alle maggiori assunzioni, sia quella interessata alle minori assunzioni. Nel caso in cui la società individui più Province destinatarie delle maggiori assunzioni, deve essere indicata, per ciascuna Provincia dalla quale si chiede lo spostamento degli obblighi, la Provincia destinataria.
Naturalmente, l'istanza va corredata dalla motivazione che giustifichi la richiesta di spostamento degli obblighi occupazionali. Una copia dell'istanza deve essere poi trasmessa, a cura della società richiedente, al Servizio provinciale della sede legale e ai Servizi provinciali interessati alla richiesta di compensazione.
(29/11/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF