Sei in: Home » Articoli

Detenzione di cibi congelati non indicati nel menù: tentata frode in commercio

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n.19395/2002) ha stabilito che il semplice fatto di detenere prodotti congelati nei frigoriferi di un esercizio commerciale e la contesuale omessa indicazione, nei menù, di tale condizione, integra l'ipotesi di tentato reato di frode in commercio. I Giudici della Corte osservano infatti che la “predisposizione di una lista delle vivande senza l'indicazione che alcuni ingredienti erano congelati o surgelati dimostra la univocità e idoneità dell'azione posta in essere ai fini della configurabilità del reato in questione”.
(21/01/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Giustizia: arriva il processo civile "a fisarmonica"
» Notifiche: quando la colpa è dell'ufficiale giudiziario
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero
» Pensioni: arriva la tredicesima
» La prescrizione penale

Newsletter f g+ t in Rss