Sei in: Home » Articoli

Caso Englaro: la motivazione della Cassazione. PM non può inervenire su questioni di tutela individuale

La Corte di Cassazione dopo un iter giudiziario durato 17 anni ha messo la parola fine sul caso Englaro. In 21 pagine di motivazione si spiegano le ragioni che hanno orientato i giudici della Corte a respingere il ricorso della Procura. L'impianto motivazionale della sentenza poggia essenzialmente sul rilievo che la vicenda in questione non riguarda un "interesse generale e pubblico ma una tutela soggettiva e individuale" di Eluana. Il Pubblico Ministero dunque non ha il potere di intervenire in tale ambito. Sono state necessarie ben 15 pagine per ricostruire la vicenda e altre 6 per indicare i motivi per cui "l'impugnazione" della Procura di Milano "e' insuscettibile di esame, e non puo' quindi sottrarsi ad una declaratoria di inammissibilita'". Le sezioni unite spiegano che nelle cause civili, come in questo caso "la presenza del pm ha carattere eccezionale, risultando normativamente prevista solo in ipotesi peculiari di controversie coinvolgenti anche un interesse pubblico". Nella fattispecie, si legge in sentenza, "il pg si e' qualificato come 'interventore necessario', con implicito riferimento alle cause sullo 'stato e capacita' delle persone'". La Cassazione ha quindi accolto il rilievo mosso dalla difesa di Beppino Englaro che aveva contestato la qualificazione adotatta dal pg sul rilievo che "le questioni di 'stato e capacita' delle persone' sono esclusivamente quelle riguardanti la posizione soggettiva dell'individuo come cittadino e nell'ambito della comunita' civile o familiare e, non invece, le questioni attinenti ad ulteriori diritti aventi a presupposto la 'posizione soggettiva' della stessa". La Corte spiega inoltre che non è neppure possibile fare richiamo alla impugnazione 'nell'interesse della legge' per accogliere il ricorso della Procura.
E neppure si pone il "dubbio di legittimita' costituzionale, in relazione ai precetti di eguaglianza e della ragionevolezza della Costituzione, stante l'evidente ragionevolezza, invece, del non identico trattamento di fattispecie in cui viene in rilievo un diritto personalissimo del soggetto di spessore costituzionale (come nella specie il diritto di autodeterminazione terapeutica in tutte le fasi della vita, anche in quella terminale), all'esercizio del quale e' coerente che il pm non possa contrapporsi fino al punto della impugnazione di decisione di accoglimento della domanda di tutela del titolare, solo in ragione del quale si giustifica l'attribuzione di piu' incisivi poteri, anche impugnatori, al pm".
(13/11/2008 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss