Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lavoratore si fa timbrare il cartellino da un collega? Il licenziamento è legittimo

La Sezione Lavoro Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 26239/2008) ha stabilito che è legittimo il licenziamento irrogato a un lavoratore 'reo' di essersi fatto timbrare il cartellino da un suo collega. Con questa decisione la Corte ha confermato la sentenza impugnata da una lavoratrice licenziata per essersi fatta timbrare il cartellino d'ingresso, la mattina, da una sua collega di lavoro. In particolare, gli Ermellini, hanno ritenuto che la sentenza impugnata fosse logica e coerente "avendo detto giudice chiaramente spiegato il perché della ritenuta maggiore attendibilità di alcuni testi a differenza della […]; della configurabilità nella specie della falsificazione della cartolina orologio all'inizio del turno di lavoro; della lesione del vincolo fiduciario a prescindere dal danno patrimoniale subito dalla società; della congruità della sanzione irrogata attesa la gravità dell'addebito contestato".
(05/11/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF