Sei in: Home » Articoli

Cassazione: hashish per uso personale? La prova è più facile

D'ora in avanti sarà più facile dare la prova che l'hashish, anche se di quantità superiore alla soglia consentita, è per uso personale. Lo ha deciso la Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione che, con la Sent. n. 39017/2008, ha stabilito che “la modificazione al testo dell'art. 73 della L. 49/06 non ha introdotto a carico dell'imputato che detiene un quantitativo di sostanza stupefacente in quantità superiore ai limiti massimi indicati con decreto ministeriale né un'inversione dell'onere della prova, costituzionalmente inammissibile (artt. 25 comma 2 e 27 comma 2. Cost.), né una presunzione, sia pure relativa, di destinazione della droga detenuta ad uso non personale”.
Conseguentemente, “l'onere della prova ricade, secondo le generali regole di garanzia processuale, sull'accusa ed il giudice deve prendere in esame, oltre alla quantità di principio attivo, tutti gli indici indicati dalla norma (modalità di presentazione, peso lordo complessivo, confezionamento frazionato, altre circostanze dell'azione), con un dovere di più rigorosa motivazione nel caso in cui ritenga che dagli altri parametri normativi si debba escludere una destinazione ‘ad uso non esclusivamente personale', pur in presenza del superamento dei limiti massimi indicati nel decreto ministeriale”.
(22/10/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Il giudizio di pericolosità sociale del reo: come si accerta dopo le recenti riforme
» Gratuito patrocinio: le indicazioni della Cassazione sulla "non abbienza"
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'eredità.
» Pensioni: ok condizionato del Garante per l'Ape volontaria
» L'Europa cerca (anche) avvocati


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss