La struttura delle nuove tabelle ricalca quella delle tabelle precedentemente in vigore. La lista è infatti costituita da tre colonne: nella prima sono elencate le malattie raggruppate per agente causale (agenti fisici, chimici ecc.); nella seconda, per ciascuna malattia, sono indicate le lavorazioni che espongono all'agente; nella terza è precisato il periodo massimo di indennizzabilità dall'abbandono della lavorazione a rischio....

Vedi allegato
Condividi
Feedback

(01/11/2008 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi: