Sei in: Home » Articoli

Euribor record negativo, mai così alto da 14 anni: colpa delle banche

“A pagare davvero, però, come sempre, sono le famiglie italiane che hanno contratto un mutuo a tasso variabile e che ora rischiano di andare definitivamente sul lastrico.” Con queste parole il Codacons commenta i dati da record di euribor. L'indice avrebbe raggiunto, il 5,33%, per quanto riguarda il tasso di interesse medio a tre mesi. Mentre, quello a sei mesi, si aggirerebbe a 5,421%. L'associazione, in un comunicato stampa diffuso al pubblico in questi giorni, afferma che la colpa sia tutta da addossare agli istituti di credito che non avrebbero fiducia reciproca.
“Così, in una situazione di mancanza di liquidità, prestano ma fanno pagare a caro prezzo il rischio che corrono” – ha dichiarato il Codacons, che sollecita il governo a prendere seri provvedimenti di fronte ad una situazione del genere: l'euribor, il tasso utilizzato per indicizzare i mutui ipotecari a tasso variabile, non si aggravava così dal 1994. Intanto i cittadini attendono il regolamento attuativo, previsto dalla legge finanziaria del vecchio governo, che consentirebbe di sospendere il pagamento delle rate di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, sino a diciotto mesi. Non è stato ancora attuato: sono passati nove mesi.
(10/10/2008 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss