Fisco: la sindrome della “cartella pazza”

Secondo quanto rende noto l'Associazione dei Contribuenti Italiani, sarebbero arrivate dal fisco richieste inesatte di pagamenti per un totale di un milione di cartelle esattoriali errate. “È arrivata la solita ondata di cartelle pazze a cui ora i contribuenti italiani sono abituati”. Con queste parole Vittorio Carlomagno, il presidente dell'associazione, ha commentato la notizia, mentre i soggetti e le imprese che si sono visti recapitare a casa le “cartelle pazze”, hanno reagito prendendo letteralmente d'assalto i call-center dello Sportello del Contribuente per ricevere rassicurazioni in merito all'accaduto. Il numero delle cartelle esattoriali “fantasma” ammonterebbe a circa un milione, mentre sarebbero solo cinquantamila quelle individuate dai controlli prima della spedizione.
Secondo l'Associazione dei Contribuenti, gli Agenti della riscossione non avrebbero tenuto conto delle cinque proroghe in seguito all'emanazione del condono fiscale tra il 2003 e il 2004, inviando richieste di pagamento a persone fisiche e giuridiche in regola con il pagamento del fisco. “Periodicamente l'Agenzia delle Entrate omaggia i contribuenti italiani”, conclude ironico il presidente Vittorio Carlomagno. La sindrome della “cartella pazza” non è un episodio isolato: si stima che dal 1998 ad oggi le richieste di pagamento per oneri fiscali non dovuti, raggiungano il numero di ben 43 milioni. Ed è già pronta una class-action per risarcire le vittime per un totale di 2,5 miliardi di euro.
(21/09/2008 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss